Il Jobs Act e la Legge 68: gli obblighi e la chiamata nominativa

Richiedi Informazioni

I miei obblighi di datore come sono cambiati col Jobs Act?

Non sono cambiati: deve essere presente in organico un lavoratore disabile da 15 a 35 dipendenti (dal 1° gennaio 2017 l’obbligo insorge al raggiungimento del quindicesimo dipendente computabile), due lavoratori con disabilità da 36 a 50 e il 7% dell’organico sopra ai 50 dipendenti.

 

Esclusioni: chi riguardano?

L’esonero è parziale (nel senso che è esonerabile al massimo il 60% della quota) per i datori di lavoro che occupano addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio ai fini INAIL pari o superiore al 60 per mille. Per determinate tipologie di attività aziendale è ammesso fino all’80% della quota di riserva.

 

Posso quindi autocertificare l’esonero? E come viene reinvestito?

L’esonero, relativamente ai soli lavoratori col tasso INAIL pari o superiore al 60 per mille, viene autocertificato e i datori versano al Fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili un contributo esonerativo pari a 30,64 euro per ogni giorno lavorativo per ciascun lavoratore con disabilità non occupato. Il Fondo si preoccupa poi di destinare i proventi degli esoneri ad un’ampia gamma di interventi, tutti sempre mirati all’inserimento del lavoratore con disabilità nel mondo del lavoro. Per tutti gli altri casi di esonero rimane valida la precedente modalità (convenzioni con l’ufficio del collocamento mirato).

 

La modalità di assunzione con chiamata nominativa cosa comporta quindi?

È sicuramente la grande novità del Jobs Act e in linea col motto della Legge 68: “la persona giusta al posto giusto”. Per i datori privati ed Enti pubblici economici si assume con richiesta nominativa (prima era possibile solo parzialmente). L’avviamento numerico diventa coercitivo nel momento in cui l’azienda non assume per via nominativa entro 60 giorni dalla richiesta agli uffici competenti. I 60 giorni vengono conteggiati (anche) con l’invio del Prospetto informativo e comunque dall’insorgenza dell’obbligo. Da segnalare che la richiesta nominativa è estesa anche alle Convenzioni (Art. 11 ex L 68/99). 

Desideri maggiori informazioni sulla normativa e le opportunità legate all'assunzione di personale appartenente alle categorie protette?

Inserisci i tuoi dati per essere contattato dal nostro team